Palazzo Malacrida

Cesare Ligari (1716-1770), Le Tre Grazie, post 1761, intonaco/pittura a fresco, salottino di Palazzo Malacrida Foto di Simona Rizzi

Testimonianza più felice del rococò in Valtellina, Palazzo Malacrida venne edificato durante il secolo XVIII dall’omonima nobile famiglia di origine lariana nella parte alta di Morbegno, l’antica contrada “Scimicà”, dove si erge maestoso dominando il centro cittadino.

Esternamente l’edificio non si distingue per il fasto o l’originalità delle decorazioni (la tradizione valtellinese predilige nei palazzi la sobrietà degli esterni), ma spicca piuttosto per la posizione dominante e la compattezza della mole.

L’interno si apre con un ampio atrio, con due colonne in granito che sorreggono le volte a crociera decorate a stucchi con tenui colori.

Dall’atrio si raggiunge il piano nobile attraverso un ampio e scenografico scalone dominato dal medaglione, dipinto sul soffitto da Gian Pietro Romegialli, rappresentante Il Ratto di Ganimede.

Il salone d’onore, grandioso e raffinato, mostra le geniali quadrature di Giuseppe Coduri, detto il Vignoli, con prospettive architettoniche ardite che creano l’illusione di un grande e variopinto giardino. Sulla volta Il trionfo della verità sulla menzogna: uno dei capolavori di Cesare Ligari, assieme al medaglione della saletta attigua raffigurante Le Tre Grazie.

A monte del palazzo s’innalza il giardino all’italiana, disposto su tre terrazze, dal quale la vista spazia dal sottostante borgo di Morbegno all’opposta “Costiera dei Cech”.

Informazioni

Il Palazzo è visitabile solo su prenotazione chiamando la mattina, dal martedì al venerdì, il numero 0342 606207.

La visita prevede il pagamento di una tariffa.